Privacy

REGOLAMENTO UE N. 679/2016 - Regolamento generale sulla protezione dei dati personali.

Responsabile della Protezione dei dati (RPD) EX ART. 37: Halley Informatica SRL

Referente per il Comune di Cagno: Ornaghi Cristiano

banner amm tra grande

 

 

NUOVA Amministrazione Trasparente
(in lavorazione)

Segnalazione Guasti

segnalazione_guasti

Consorzio Impianti Sportivi

con-sorzio

Cagno la sua storia la sua gente

cagnolasuastorialasuagente

 

Clicca sull'immagine per scaricare il il libro

 

Copia Cartacea del libro è acquistabile presso gli uffici comunali al costo di euro. 18,00 €

Notizie generali sul territorio cagnese

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Il paese - Il territorio

 

Il Comune di Cagno è situato in territorio comasco al confine con la provincia di Varese e a pochi chilometri dal confine italo-svizzero. Risulta pertanto inserito nella cosiddetta regio insubrica. Tale regione prende il nome dagli Insubri, popolazione celtica che ha abitato la regione dei tre laghi prealpini nel IV - V secolo a. C., con capitale Mediolanum (Milano), e che comprende i territori delle province di Como, Varese e Verbano, la Val d'Ossola, Cusio e il canton Ticino (CH).

Cagno sorge sulle colline prealpine che delimitano la Valmorea, la valle morenica attraversata dal fiume Lanza e oggetto da alcuni anni di un progetto di recupero che ha visto il ripristino della vecchia ferrovia per finalità turistiche, attraverso l'utilizzo di antiche locomotive a vapore, e che prevede altre opere tra cui la realizzazione di una pista ciclabile nei boschi lungo il fiume.

Nella stessa valle è presente in frazione Molino Trotto un mulino ad acqua recentemente restaurato e attualmente funzionante.

Il territorio del paese è ancora in buona parte occupato da boschi, prati e campi coltivati, tanto da poter tutt'oggi contare la presenza di alcune aziende agricole.

Non è comunque mancato negli ultimi decenni lo sviluppo di una zona industriale attiva e funzionante.

Da segnalare sul territorio l'importanza di numerosi edifici di culto, importanti anche dal punto di vista storico e artistico. Per prima l'antica chiesa di San Giorgio con annesso campanile romanico e numerosi affreschi, presso la quale ogni anno all'inizio di settembre si celebra la tradizionale festa paesana della Madonna del Ciuchée. Poi la vecchia parrocchiale di San Michele Arcangelo (patrono del paese, festeggiato il 29 settembre. Quindi la Chiesa Nuova, terminata nel 1980.

 

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito Web e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori informazioni Clicca qui.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta