moto kuryemotokuryemotor kuryeacil kuryemotorlu kuryeexpress kuryebe_ikta_ kuryekurye,moto kurye,motokurye,acil kurye
Scuola Primaria di Cagno ed Albiolo e della Scuola Secondaria di Valmorea contro il Bullismo
panaxmustafa eraslanpanax

 

Sono onorato di potervi raccontare quest’esperienza: il percorso fatto con i ragazzi della Scuola Primaria di Cagno ed Albiolo e della Scuola Secondaria di Valmorea contro il Bullismo.

Descrivere ogni step, ogni idea, ogni azione sarebbe bello ma, forse, un po’ troppo lungo per una relazione conclusiva; quindi mi limiterò a ripercorrere le varie tappe in modo che possiate comprendere la straordinarietà della cosa.

Il progetto nasce dall’esigenza di sensibilizzare la comunità circa il fenomeno del bullismo, ma, ancora di più, rendere i ragazzi consapevoli di quanto sia diffuso questo problema e, purtroppo molto spesso, ancora sottovalutato.

L’associazione “Centro Aggregazione Volta Azzurra” - C.A.V.A. si è proposta come intermediario tra il fenomeno in sé e il contesto dove solitamente emergono i primi “sintomi”: la scuola.

 

Abbiamo coinvolto gli alunni delle classi quinte  di Cagno e Albiolo oltre ai ragazzi di seconda della secondaria di Valmorea, e alcune docenti: Paola Butti e Paola Legramandi, rispettivamente di Cagno ed Albiolo, e Alessandra Bragagnini di Valmorea.

Il primo obiettivo è stato creare consapevolezza. Abbiamo spiegato il significato di bullismo citando esempi concreti e frequenti nella nostra quotidianità; sono gesti talvolta cosi tanto intrinsechi nel nostro modo di fare da non destare preoccupazione, li diamo per scontati. Ma è proprio questo il problema. Un atteggiamento sbagliato va individuato, isolato, compreso e modificato, e questo percorso deve essere chiaro a tutti, vittime, artefici, spettatori o complici.

Abbiamo fatto conoscere ai ragazzi personaggi oggi famosi, ma che in passato sono state vittime di bullismo.

Nei vari incontri abbiamo svolto diversi “esercizi” per poter meglio comprendere lo stato d’animo della “vittima” e del “carnefice”; in questi momenti, l’impostazione teatrale e la capacità ad immedesimarsi di volta in volta nei vari ruoli ha permesso ai ragazzi di comprendere il malessere della vittima e il disagio del bullo fuori dal branco, perché, come dice la colonna sonora del nostro cortometraggio: “è nella forza del branco che il bullo trae la sua forza!”. A questo proposito abbiamo cercato di far comprendere ai ragazzi anche l’importanza del gruppo o branco; se fai parte di un gruppo puoi scegliere da quale parte stare: col bullo contro la vittima, restando a guardare senza fare nulla quando il bullo colpisce, o sostenere la vittima cercando di far capire al bullo e al branco che quell’atteggiamento è sbagliato.

Al fine di strutturare un percorso serio ed efficace, ci siamo rivolti a due professioniste, esperte di linguaggio teatrale ed artistico, Chiara Donghi e Alice Marinoni, che hanno accompagnato gli alunni durante l’anno, realizzando anche due libroni per le classi quinte, dove viene rappresentato e raffigurato tutto il percorso intrapreso.

Anche le insegnanti hanno giocato un ruolo fondamentale, sostenendoci nei vari incontri e approfondendo in classe alcuni temi proposti durante gli incontri. Inoltre, con l’aiuto del prof. Giuseppe Mezzadri, che ha coinvolto anche altri ragazzi della scuola, hanno creato una struttura in cartapesta, raffigurante un libro, che ripercorre anch’esso gli step fatti durante la realizzazione del progetto.

È stato invitato Marco Lombardo, rapper emergente del gruppo “Eell Shous”, che ha spiegato ai nostri “attori” i principi su cui si basa la musica, cos’è e come si compone un testo rap, come si crea e si utilizza il beatbox (capacità di riprodurre alcuni suoni di una batteria o altri strumenti con la bocca e la voce) all’interno di un testo e, insieme ai ragazzi, ha creato la colonna sonora del cortometraggio. Per le riprese e il montaggio video (realizzato in stop motion), ci siamo rivolti a Paolo Bordignon, grafico pubblicitario ed esperto di video e montaggi. 

Il video ha raccolto molti consensi e ne è in corso la pubblicazione sul sito del Comune di Cagno, con la successiva possibilità di link/pubblicazione anche su altri siti (Consorzio Servizi Sociali; Istituto Comprensivo; altre Amministrazioni Comunali).

Tutto questo non si sarebbe mai potuto realizzare senza l’appoggio e l’impegno delle Amministrazioni Comunali di Cagno, Valmorea, Albiolo, Rodero, dell’Istituto Comprensivo e senza il contributo del Consorzio Servizi Sociali dell’Olgiatese, ma, ancora di più, senza l’entusiasmo dei ragazzi coinvolti! 
     
      Dott. Fabio Cavallasca 
Referente Associazione C.A.V.A.

 

Municipio: Piazza Italia, 1
Telefono: 031 806050
Fax: 031 807288


Festa patronale il 29/09
gli uffici rimarranno chiusi


Posta elettronica Certificata

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Calcolo IUC Online

anutel2017

Albo Pretorio Digitale


Clicca sull'immagine
per accedere al servizio

 

referendum

Cerca nel sito

vallelanza

Pro loco

proloco

POLISPORTIVA

Dove lo butto ?

Informazioni di sistema

Utenti : 82
Contenuti : 219
Tot. visite contenuti : 2683936

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito Web e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori informazioni Clicca qui.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta